Preghiera dell'alpino ignoto

 
Signore Iddio:
tu per le mie ferite
da cui scese sangue
alla terra alle pietre
al fango alla neve
dovunque passerai;
Tu per il mio silenzio
e il mio dolore senza volto
e il mio respiro che cess˛
senza lamento
nell'invocare Te;

 

Tu per il lungo calvario
d'ogni fratello alpino
che giacque infine riverso
in quell'ora e per sempre
simile a me
nella sua stessa offerta;

Tu per gli occhi di tua madre
-fermi nel buio e nel vuoto-
in cui vedesti tremolare
e cadere verso Te dalle ciglia
la luccicante preghiera;
Tu per le mani di mio figlio
che mai sentirono le mie
e non ebbero pi¨ guida
se non di ricordo;

Tu, o Signore, tendi la mano
per quando noi Ti offriamo,
preserva dalla vita e dalla morte
ch'io conobbi in sorte
e benedici ogni fratello che vive.
Benedici l'Italia.